martedì 25 marzo 2014

Trasporto segreto di materiale radioattivo da Itrec: le uniche notizie che arrivano dalla Casa Bianca

Storia di un trasporto di materiale radioattivo (29 luglio 2013)
Alla fine, le uniche notizie che arrivano dalla Casa Bianca
Il Popolo Italiano vive sotto il protettorato dello Stato e delle sue propaggini tipo la Sogin. Essi fanno ciò che è meglio per noi, soprattutto lo fanno senza darci preoccupazioni e pensieri. Così, non avvertono la necessità d'informarci bensì quella opposta, la necessità di nasconderci le informazioni che potrebbero causare insicurezza e ansia.
Siamo fortunati, noi Italiani. Provate a pensare a quei poveri cittadini degli Statu Uniti d'America, con giornali che indagano, politici che spiegano, agenzie che pubblicano su internet ogni spillo che si sposta da un posto all'altro. e, poi, quel chiacchierone di Obama che ci fa sapere anche del materiale radioattivo partito dall'Italia e dalla Trisaia di Rotondella.
Un solo piccolo rimprovero, Mr. Obama, sei mesi fa, un piccolo giornale di provincia e due giornalisti ebbero l'ardire di chiedere a prefetti, ministri, agenzie Italiane ed Europee, alle agenzie statunitensi notizie di quel trasporto, senza avere risposta. Poi chiesero anche alla Casa Bianca, senza avere risposta.
Forse, quei giornalisti meritavano più attenzione dalla nazione che tutela il giornalismo più e meglio di tutte le altre.
Forse i popoli meritano più attenzione e più informazione, ma questo discorso è troppo difficile nell'Italia di oggi, nell'Europa di oggi, nella Terra di oggi ed anche in quelle di domani (forse)

History of the transport of radioactive material (29 July 2013)
In the end, the only news coming from the White House.
The Italian people living under the protection of the State and its offshoots like the Sogin. They do what is best for us, especially they do not give us concerns and thoughts. So, do not feel the need to inform us but rather the opposite, the need to hide information that could cause insecurity and anxiety.
We are lucky, we Italians. Try to think of those poor citizens of the United Sates of America, with papers that explore, explain that political agencies that publish on the internet every needle that moves from one place to another. and, then, the chatty Obama tells us that even the radioactive material left Italy and Trisaia Rotondella.
Only a small rebuke, Mr. Obama, six months ago, a small-town newspaper and two journalists had the audacity to ask prefects, ministers, Italian and European agencies, agencies of the U.S. news transport, no answer. Then they asked at the White House, with no response.
Perhaps those journalists deserve more attention from the nation that protects journalism more and better than all the others.
Maybe the people deserve more attention and more information, but this speech is too difficult in today, in today's Europe in the Earth today and also those of tomorrow (maybe)
Di seguito, il dettaglio delle corrispondenze avviate e gli indirizzi delle autorità consultate
Below, the details of the matches started and addresses of the authorities consulted
Da: McIntyre, David (
Data invio: lunedì 12 agosto 2013 19:39:08
A: OPA Resource (; (
Cc: Mike, Linda (; Mathew, Roy (
Hi Nicola –
We have checked with our import/export licensing folks, and they have no record of a license application for any radioactive material shipments from Italy. Your email is not clear on the nature of the shipment, but your mention of high-level waste and a military base as the point of departure suggests that this might not be a civilian shipment, and therefore would not be under the jurisdiction of the US Nuclear Regulatory Commission. I suggest you contact the US Department of Energy’s National Nuclear Security Administration.

David McIntyre
Public Affairs Officer
U.S. Nuclear Regulatory Commission
(301) 415-8200 (office)
(301) 415-8206 (direct)
Protecting People & the Environment
Da: Nicola Piccenna (
Data invio: lunedì 12 agosto 2013 19:58:27
A: McIntyre, David (
Hi David,
many thanks for your answer and for the tip.
I try to ask the DOE, which, however, had already sent instance.
Best Regards
Nicola Piccenna
Journalist - "L'Independente Lucano"
Da: Nicola Piccenna (
Data invio: lunedì 12 agosto 2013 20:32:18
A: (
Cc: (; (; redazione - N. Y. Times (; (; (; (; (; (
Dear National Nuclear Security Administration,
on 29 July 2013, from the military airport of Gioia del Colle (or Italy), started a load of radioactive material destined for the United States of America. The news was disclosed by the Deputy Minister of the Interior Italian: Filippo Bubbico.
We asked news of this expedition to the U.S. Nuclear Regulatory Commission, but to them it is no shipping.
NRC suggested we ask your department, as you can read the emails exchanged which is shown below.
For the Italian people and for the people of the United Stat, it is essential to know exactly what was transferred, in what quantities and with what guarantees safety for operators and for the people.
I trust in the democratic tradition of the United States and in respect of freedom of information that have always characterized your great country.
My name is Nicola Piccenna and I am an Italian journalist, I am confident that the U.S. press will take care of this case and support our request for clarity.
Nicola Piccenna
phone: +39.393.2542005
Da: Secretary Moniz (
Data invio: lunedì 12 agosto 2013 20:32:35
A: Nicola Piccenna (
Thank you for your email to the Secretary of Energy. Your message has been received by the Office of the Executive Secretariat on behalf of the Secretary and will be reviewed by the appropriate Department of Energy officials.
Thank you.

Da: Nicola Piccenna (
Data invio: domenica 18 agosto 2013 11:06:12
A: (; (; (; (; (; (; (
Ccn: Ivano Farina (
Dear Sirs and authority delegated to the management of radioactive materials,
the day July 29, 2013 a shipment of radioactive material has passed through the Italian streets.
Party Itrec center located in the town of Rotondella (Province of Matera, Italy), it was escorted up to the military airport of Gioia del Colle (province of Bari, Italy).
The Italian authorities have stated that it was about 1.2 kg of uranium dioxide enriched to 91%. They specified that the final destination of the cargo was the United States of America and that the material was delivered to the final destination.
The transport, Italian authorities say was covered by state secrecy. For this reason, local authorities and the population were not warned.
We have carefully checked without being able to have confirmation. In particular, we would like to know which site / city is today the transported material and which path followed within the United States.
Ask these questions because we know that the uranium dioxide is a weakly radioactive material and we have verified that the U.S. agencies: U.S. NRC (United States Nuclear Regulatory Commission), for the "civil" and NNSA (National Nuclear Security Administration) belonging to the DOE (Department of Energy), for the "military" have never had difficulty in providing information on these kinds of shipments.
In fact, on public sites of the two agencies, there are many programs that affect communication, shipping and handling of enriched uranium.
In truth, U.S. NRC has already replied to our question, confirming that they do not is no transport of nuclear material from Italy.
We can not doubt the statements of the Italian Government, therefore, will NNSA to know the details of this transport together with EURATOM (EURATOM SUPPLY AGENCY) and IAEA (International Atomic Energy Agency) which are international bodies that oversee and govern the management and transport of radioactive material which is strategic enriched uranium 235.
We believe that the Italian and U.S. citizens have a right to know exactly what happened in the transport of 29 July last year and we believe that the competent authorities have no difficulty in providing all the elements necessary to reassure the populations concerned.
We are confident that as the authorities will want to respond quickly despite the holiday period, since these are highly sensitive issues for the health and safety of citizens.
We greatly appreciate the policy of transparency always confirmed by the United States of America and the grand opening always shown towards the free press from that great country.
Nicola Piccenna and Ivano Flour, journalists
Useful addresses:
U.S. NRC (United States Nuclear Regulatory Commission)
Addresses: U.S. Nuclear Regulatory Commission - Washington, DC 20555-0001 – Tel: (+1) 1-800-368-5642
NNSA (National Nuclear Security Administration)
Mailing Address: National Nuclear Security Administration - U.S. Department of Energy - 1000 Independence Ave., S.W. - Washington, DC 20585
Contact form:
DOE (Department Of Energy)
Addresses: U.S. Department of Energy - 1000 Independence Ave., SW - Washington, DC 20585 – Tel: (+1) 202-586-5000 – Fax: (+1) 202-586-4403
Mr. Günther Oettinger - European Commissioner for Energy - B - 1049 Brussels (Belgium) - Tel.: +32 (0)2 298 20 25 - Fax.: +32 (0)2 299 18 27
contact form:
IAEA (International Atomic Energy Agency)
Addresses: Vienna International Centre - PO Box 100 - 1400 Vienna, Austria - Tel: (+43-1) 2600-0 - Fax: (+43-1) 2600-7
Website: www.iaea.orgù
Prefettura di Bari
Addresses: Piazza della Libertà – 80100 BARI (Italia)
Email: (vicario del Prefetto)
Email: (capo di gabinetto)
Ministero dell'Interno della Repubblica Italiana
Addresses: Piazza del Viminale n. 1 - 00184 Roma - Tel. (+39) 06-4651
Email: -
Presidenza degli Stati Uniti d'America
Addresses: The White House - 1600 Pennsylvania Avenue NW - Washington, DC 20500
Tel: (+1) 202-456-1414
Contact form:
versione italiana
Egregi Signori e Autorità deputate alla gestione dei materiali radioattivi,
il giorno 29 luglio 2013 un carico di materiale radioattivo ha transitato per le strade italiane.
Partito dal centro Itrec situato nel comune di Rotondella (Provincia di Matera, Italy), esso è stato scortato sino all'aeroporto militare di Gioia del Colle (provincia di Bari, Italy).
Le autorità italiane hanno dichiarato che si è trattato di circa 1,2 Kg di Biossido di Uranio arricchito al 91%. Essi hanno specificato che la destinazione finale del carico erano gli Stati Uniti d'America e che il materiale è stato consegnato alla destinazione finale.
Il trasporto, dicono le autorità italiane era coperto da segreto di Stato. Per questo motivo, le autorità locali e la popolazione non sono stati avvisati.
Noi abbiamo verificato attentamente senza riuscire ad avere conferme. In particolare, noi vorremmo sapere in quale sito/città si trova oggi il materiale trasportato e quale percorso ha seguito all'interno degli Stati Uniti.
Poniamo queste domande poiché sappiamo che il biossido di uranio è un materiale debolmente radioattivo e abbiamo verificato che le agenzie statunitensi: U.S. NRC (United States Nuclear Regulatory Commission), per il settore "civile", e NNSA (National Nuclear Security Administration) appartenente al DOE (Department Of Energy), per il settore "militare"; non hanno mai avuto difficoltà a fornire informazioni su questo genere di spedizioni.
In effetti, sui siti pubblici delle due agenzie, ci sono molte comunicazioni che riguardano programmi, spedizioni e gestione di uranio arricchito.
In verità, U.S. NRC ha già risposto alla nostra domanda, confermando che a loro non risulta alcun trasporto di materiale nucleare dall'Italia.
Noi non possiamo dubitare delle dichiarazioni del Governo Italiano, perciò sarà NNSA a conoscere i dettagli di questo trasporto insieme con EURATOM (EURATOM SUPPLY AGENCY) e IAEA (International Atomic Energy Agency) che sono gli organismi internazionali che sorvegliano e disciplinano la gestione ed il trasporto dei materiali radioattivi strategici quale è l'uranio 235 arricchito.
Noi riteniamo che i cittadini Italiani e Statunitensi abbiano diritto di conoscere esattamente cosa è avvenuto nel trasporto del 29 luglio scorso e riteniamo che le autorità competenti non abbiano nessuna difficoltà a fornire tutti gli elementi necessari per tranquillizzare le popolazioni interessate.
Noi confidiamo che le autorità interpellate, vorranno rispondere celermente nonostante il periodo di vacanze, poiché trattasi di questioni estremamente delicate per la salute e la sicurezza dei cittadini.
Noi apprezziamo molto la politica di trasparenza sempre confermata dagli Stati Uniti d'America e la grande apertura sempre mostrata verso la stampa libera da quel grande Paese.
Nicola Piccenna e Ivano Farina, giornalisti

lunedì 10 marzo 2014

Il Viceministro Filippo Bubbico: ha calunniato per limitare la libertà di stampa

Il Viceministro Filippo Bubbico 
Filippo Bubbico
ha querelato un giornalista (Nicola Piccenna) ed il direttore del giornale (Il Resto) che aveva pubblicato un articolo dell'anzidetto, per aver scritto:
"Pare che un importante avvocato materano abbia fatto da tramite con il Presidente Bubbico ed il resto dei rappresentanti degli enti locali (provincia di Matera, Comuni limitrofi) riferendo che tutti accettavano il deposito. Il dubitativo è d’obbligo, non essendo mai stato esibito il verbale del famoso "consiglio dei ministri" e dovendo registrare le reiterate dichiarazioni dell’arch. Filippo Bubbico che minacciò denunce e querele a carico dell’On. Giovanardi e di quanti avessero sostenuto le sue tesi...
...Se fosse stato un vero generale, per Bubbico si sarebbe potuto ipotizzare l’alto tradimento, "intelligenza col nemico". Sarebbe stato degradato con ignominia. Fortunatamente è solo un politico e se la caverà con un calo di consensi (forse) oppure chiarirà che è tutta un’invenzione, che i documenti citati sono falsi e che nessun incontro ha sancito patti e contropartite. La conoscenza è l’anima del progresso..."
Effettivamente, Filippo Bubbico querelò Carlo Giovanardi e querelò anche Nicola Piccenna ed il direttore Nino Grilli.
Poi successe, per l'imponderabile asincronia della giustizia Italiana, che Carlo Giovanardi consegnò alla Procura presso il Tribunale dei Ministri il Verbale del 13/11/2003 ed il procedimento a suo carico venne archiviato mentre Piccenna e Grilli, non potendo accedere al verbale del Consiglio dei Ministri direttamente, chiesero alla Procura di Matera che disponesse l'acquisizione dell'intero fascicolo del procedimento penale a carico di Carlo Giovanardi.
La Procura della Repubblica di Matera non riuscì nell'impresa dichiarando che non era risultato esistere alcun procedimento penale a carico di Carlo Giovanardi. In verità, ignorando che i ministri hanno un Tribunale specifico che tratta i procedimenti penali a carico dei membri del governo (Tribunale dei Ministri) la Procura si era rivolta alla Procura ordinaria. Miglior fortuna non sortì la richiesta di "analoga" acquisizione rivolta al Giudice per l'Udienza preliminare che dispose il rinvio a giudizio.
Nel processo, Filippo Bubbico si costituì parte civile, sancendo con questo atto l'intento calunnioso nei confronti dei giornalisti querelati. Infatti, mentre all'atto della presentazione della querela Bubbico non conosceva l'esito della precedente doglianza nei confronti di Carlo Giovanardi, quando si costituì parte civile contro i giornalisti de "Il Resto", sapeva che Giovanardi era stato ritenuto completamente privo di responsabilità in quanto il verbale del Consiglio dei Ministri affermava proprio quanto Giovanardi (e di conseguenza Piccenna e Grilli) aveva dichiarato.
Filippo Bubbico si è costituito parte civile contro due giornalisti che sapeva innocenti, Filippo Bubbico è un calunniatore icto oculi (basta leggere i documenti che, tutti, si allegano!).

Una utilità, comunque, questo processo (tuttora pendente) l'ha ben avuta, anzi due: ha consentito di acquisire e conoscere il verbale del Consiglio dei Ministri che riporta esattamente quanto dichiarava Carlo Giovanardi e scriveva Piccenna; ha permesso di accertare che il noto avvocato che aveva fatto da intermediario era Emilio Nicola Buccico, 

Emilio Nicola Buccico

bugiardo matricolato che ebbe, a sua volta, a querelare (20 o 30 volte) Nicola Piccenna. Diceva Buccico di non aver mai avuto contatti con amministratori locali in merito al deposito unico nazionale di scorie nucleari, rivendicando di aver espresso attraverso la stampa la sua avversità alla scelta. Con ciò mentiva, sapendo di mentire (cioè calunniava) e manifestava la doppiezza di colui che comunica al popolo bue il contrario di ciò per cui agisce.

Potremmo chiederci perché la Procura di Matera non ha saputo chiedere i documenti che avrebbero evitato inutili anni di processo e spese e aggravamento del carico giudiziario all'apparato dello Stato che amministra la Giustizia.
Potremmo chiederci perché il Giudice dell'Udienza Preliminare ha rifiutato l'acquisizione dei documenti che avrebbero fatto chiudere la vicenda rapidamente, senza portarla a più gravi e onerose fasi processuali.
Potremmo chiederci perché un politico navigato come Filippo Bubbico si sia avventurato in una calunnia così sfacciatamente palese da essere documentata in atti giudiziari (procedimento archiviato a carico di Carlo Giovanardi).
Ma, a queste domande non risponderebbe nessuno perché in Basilicata così è uso: alle domande scomode i presunti potenti rispondono a suon di querele ed i presunti magistrati con vere e proprie persecuzioni giudiziarie.
Allora preferiamo dirla tutta e subito: sono anni che il giornalismo lucano è oltraggiato, vilipeso e censurato da decine di querele, denunce, perquisizioni e intercettazioni poste in essere col solo scopo di impedirne l'attività.
Nessun grande giornale ha voluto occuparsene!
Nessuna testata televisiva ha dedicato un solo cenno d'informazione!
Nessuna Procura ha saputo accertare le responsabilità di quanti hanno posto in essere una vera e propria associazione per delinquere che, operando con modalità mafiosa (ex art. 7) ha usato le Procure della Repubblica ed i Tribunali dello Stato Italiano per paralizzare i giornalisti e l'informazione.
Nessun partito e nessuna formazione politica e nessun parlamentare ha sprecato una sola parola oppure ha chiesto di conoscere atti e fatti (meglio tenere la testa sotto la sabbia e vivere felici).
Nessun Napolitano, nessun Vietti, nessun Grasso, nessun Travaglio, nessuna Gabanelli, nessun nessuno (tutti ampiamente e ripetutamente informati ed invocati) ha mosso un sopracciglio. Tutti, certamente, avevano impegni improrogabili e cose ben più utili da fare!
Perché avrebbero dovuto occuparsi di due oscuri giornalisti lucani che hanno collezionato più querele di qualunque altro giornalista Italiano?
Noi siamo solo giornalisti figli di un Dio minore, giornalisti pubblicisti che hanno fatto gratis il lavoro che non facevano i super pagati giornalisti professionisti. Siamo scomodi anche per loro, forse!
All'ultima, recente, udienza del processo contro di noi (parte civile Filippo Bubbico) non c'era nemmeno l'ombra del Presidente Regionale dell'Ordine dei Giornalisti (Mimmo Sammartino), del Presidente Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti (Enzo Iacopino), dell'Assostampa e di quanti hanno un qualche ruolo di rappresentanza di una categoria che ha appeso la penna al chiodo invischiata (evidentemente) in troppi bizantinismi di un'Italia allo sbando in cui censurare la libertà di stampa significa condannare a morte l'intero Paese.
La levata di scudi contro quell'oscuro sottosegretario costretto a dimettersi senza che ci fosse alcuna evidenza che la "pressione" sul giornale calabrese provenisse da lui, la dice lunga su quanta libertà ci sia e quanta ipocrisia alberghi nella società Italiana, specie nel ceto "dirigente".
Quel che maggiormente duole constatare, è la lettura frettolosa e falsa che si da delle nostre reiterate doglianze in ambito giudiziario come nel mondo dell'informazione.
Non si comprende che quello che tentiamo di difendere è il diritto/dovere all'informazione nell'interesse di tutti, non già una nostra posizione personale per cui, vista l'inconsistenza delle accuse mosse a nostro carico, non abbiamo nulla da temere (dalla Giustizia basata sul diritto) mentre nulla possiamo fare da quell'altra giustizia preda di consorterie riconoscibili e spudorate.
Buona giornata a tutti e, prima di voltare pagina con fastidio, guardatevi nello specchio!